Recensione Silenzio

Silenzio Book Cover Silenzio
Narratori Corbaccio
Shusaku Endo
Narrativa contemporanea, Romanzo storico
Corabaccio
2017
Cartaceo, copertina rigida
211

Nagasaki, 1633: l'indomito padre gesuita Cristovao Ferreira, che da anni si batte in Giappone per diffondere il cristianesimo, ha rinnegato la vera fede ed è diventato un apostata: questa è la notizia sconvolgente che giunge a Roma. La Compagnia del Gesù decide allora di inviare in Oriente due giovani fratelli, Sebastian Rodrigues e Francisco Garrpe per compiere un'indagine all'interno della chiesa locale. I due gesuiti però, partiti pieni di ideali e di entusiasmo, si scontrano ben presto con la dura realtà del Giappone dei Tokugawa e delle persecuzioni. I sospetti cristiani vengono costretti dalle autorità giapponesi a calpestare immagini sacre: chi si rifiuta viene torturato e ucciso, mentre chi accetta viene deriso e costretto a vivere ai margini della società, rifiutato tanto dalla comunità cristiana quanto dai giapponesi. La vita in Giappone si fa sempre più difficile per Rodrigues che ora vive in prima persona le persecuzioni e che finisce, evangelicamente, per essere tradito dall'amico Kichijiro, il suo "Giuda", mentre implora Dio di rompere il suo "silenzio".

Recensione | Silenzio

Perché ho fatto una cosa simile? Perché? Perché?
Nei boschi una cicala friniva roca. Dunque intorno c’era silenzio.

La storia

Silenzio è un romanzo storico delicato e affascinante, nonostante i temi trattati e le scene rappresentate non siano altrettanto delicate. Narra la storia del Giappone, nel 1600, periodo in cui il cristianesimo era in forte espansione e i missionari cristiani avevano come obiettivo primario quello di trasmettere il proprio credo, a qualsiasi costo.

In questo modo si trovano di fronte a diverse reazioni nei vari paesi in cui si avventurano: approvazione e accoglienza oppure disapprovazione e reazioni violente. In Giappone, in particolare, ha in un primo momento accolto il cristianesimo e, successivamente, lo ha rifiutato in quanto – secondo l’imperatore e parte del popolo – non era una dottrina adatta alla mentalità e alla società giapponese dell’epoca.

Di conseguenza, due mentalità fortemente radicate e perseveranti si trovano a scontrarsi: è guerra. Le catture e le torture dilagano. I missionari cristiani vengono costretti ad abiurare il proprio credo e, in caso contrario, costretti a subire torture disumane. In questa situazione si trova anche uno dei più famosi e affermati missionari dell’epoca – padre Cristovao Ferreira – che, dopo svariate torture rinnega la propria fede e genera il caos fino a Roma.

Due giovani fratelli vengono dunque inviati a portare avanti la missione di padre Ferreira in una terra ormai ostile e contraria all’insediamento del cristianesimo. I due fratelli, dopo un lungo viaggio, saranno loro stessi oggetto di tortura: metteranno in dubbio il proprio credo al di là delle torture subite, si troveranno a pregare il proprio Dio di rompere il silenzio e aiutarli a portare a termine la missione.

Il libro

Come in ogni storia sulla religione, si nota come alcuni credenti siano realmente disposti a tutto e professino la propria fede “nel bene” e come altri lo facciano solo per necessità o guadagno. Allo stesso modo, si può riflettere sulle scelte dell’imperatore: atti osceni, senza dubbio, ma d’altra parte i missionari stavano tentando di imporre qualcosa di estremamente diverso e sconosciuto nella sua terra. Chi ha ragione e chi ha torto? è difficile a dirsi; una cosa è certa: le torture e gli atti di violenza sono sbagliati da entrambe le parti, come sempre, soprattutto se per scopi religiosi.

In ogni caso, si tratta di un romanzo scritto in modo esemplare, l’atmosfera è quasi percettibile e l’ambientazione è resa alla perfezione. I personaggi principali sono descritti soprattutto sotto l’aspetto psicologico, soprattutto attraverso il loro pensiero e i loro scritti.

Silenzio è un libro che si legge con piacere, ha un ritmo medio e uno stile di narrazione molto delicato e raffinato, nonostante i temi trattati, come detto in precedenza. Consente di apprendere molto sulla società giapponese dell’epoca e, ovviamente, anche sulle missioni di diffusione del cristianesimo in Oriente.

Fondamentalmente è un libro sul Cristianesimo: attraverso le parole dei protagonisti si capisce come questo testo sia in difesa della religione cristiana e dei suoi rappresentanti. L’autore stesso è giapponese, di famiglia cristiana.

Silenzio è stato definito da Papa Francesco “un’esemplare storia di cristianesimo” e da molti un eccellente romanzo storico; è stato anche trasposto in versione cinematografica, a cura di Martin Scorsese.

Padre, noi non stiamo discutendo se la sua dottrina sia giusta o sbagliata. Il motivo per cui abbiamo bandito il cristianesimo dal Giappone è che, dopo profonda e seria considerazione, troviamo che questo insegnamento non abbia alcun valore per il Giappone di oggi.

In conclusione

Consiglio questo libro sopratutto per lo stile dell’autore; lo consiglio anche in quanto ottima rappresentazione di uno spaccato di storia del cristianesimo e del Giappone, molto interessante e dettagliato.

Per tutte le altre recensioni vi rimando alla pagina Indice

Link per l’acquisto qui: amazon

Recensione | Mr.Vertigo

Mr. Vertigo Book Cover Mr. Vertigo
ET Scrittori
Paul Auster
Romanzo, Narrativa contemporanea
Einaudi
2015
Cartaceo, Copertina Flessibile
284

Sinossi:

Walt Rawley è un ragazzino senza futuro nell'America degli anni '20. È orfano, vive nelle strade di St. Louis, ma possiede "il dono" e Master Yehudi, un personaggio misterioso, gli promette di insegnargli a volare. L'apprendistato è bizzarro e comprende l'essere seppellito sottoterra per ventiquattr'ore, ma alla fine Walt diventa davvero il "Bambino Prodigio", star di uno spettacolo ambulante di cui Master Yehudi è il regista nascosto. Il bambino volante attraversa la storia di mezzo secolo americano tra incursioni del Ku Klux Klan, storie di gangster, giocatori di baseball e vite bruciate, finendo per aprire a Chicago negli anni '30 un locale clandestino destinato a diventare famoso, il Mr Vertigo.

 

Il libro:

Mr. Vertigo è un libro piccolo nelle dimensioni ma immenso nel contenuto: come detto in precedenza nella recensione del libro Nel paese delle ultime cose, Auster si conferma un maestro del realismo sotto false spoglie.

Benché il contenuto del libro, infatti, sia nettamente surreale (Walt, il bambino, impara la tecnica della levitazione, ma con risultati a dir poco sovrumani: può realmente volare a parecchi metri da terra!), tutto ciò che circonda questo nucleo di fantasia è, a tutti gli effetti, un’esasperazione della realtà o, se non altro, una descrizione cruda e veritiera di una persona, una società, un periodo storico.

Ed ecco che entra in gioco l’abilità dell’autore nel coinvolgere attraverso i dettagli, attraverso la sintonia che si crea con i personaggi: non che ci si ritrovi ad essere assolutamente d’accordo con ciò che succede, ma sicuramente non si riesce a smettere di leggere perché si deve assolutamente scoprire il passo successivo.

Siamo a St. Louis, negli anni ’20: Walt è rimasto orfano ed è destinato ad una vita di miseria, arrabattandosi tra piccoli furti e carità. Un uomo, però, vede il lui qualcosa di magico: un dono, il saper volare. Quest’uomo è Maestro Yehudi, che porta Walt all’esasperazione durante i suoi allenamenti, lo porta ripetutamente al limite della sopportazione, della disperazione e delle capacità fisiche e mentali, fino ad ottenere il risultato sperato: Walt impara a volare.

La strana coppia inizia quindi un viaggio attraverso l’America e la sua storia: circa cinquant’anni di storia d’America visti attraverso gli occhi di un bambino che cresce nei bassifondi e diventa una star, senza mai risparmiarsi da una vita sregolata e senza limiti.

L’atmosfera e l’ambientazione sono perfette: si ha la sensazione di vivere realmente questi anni incerti della storia americana; si passa da strade occupate da gangster a night club esclusivi, da strade libere e senza meta a spalti sovraffollati.

Il ritmo di lettura è veloce: i cambiamenti di scena sono così rapidi e repentini che non si ha il tempo di soffermarsi troppo su un’unica scena. Ci sono solo alcuni “rallentamenti”, posizionati strategicamente per rimarcare un determinato aspetto o messaggio.

I personaggi sono fantastici: ognuno di essi è una metafora. Il Maestro, per esempio, è un personaggio burbero e scontroso ma dal cuore tenero, intrappolato in un circolo vizioso di auto-isolamento. Walt? Walt è vita, ed è morte allo stesso tempo; è un bambino esuberante, ed è un ragazzo autodistruttivo. E così via, ogni singolo personaggio rappresenta un caleidoscopio di emozioni.

Per tutta l’ora successiva la mia testa fu un turbinio di pensieri disperati. Passai dal dolore alla collera, dalla dichiarazione di guerra alla voglia di ridere, dal groppo in gola alla più nauseante autoironia. L’universo si era ridotto ad un cumulo di macerie, e io ero solo, ramingo nella landa desolata del tradimento.

In conclusione:

Consiglio questo libro, come consiglio di leggere Auster in generale: si può essere titubanti su alcuni passaggi, si possono approvare o meno alcune scene ma il risultato finale è che questi libri lasciano qualcosa. LEGGETELO!

Non è che credessi a quella bugia, è che avevo troppa paura di non crederci.

Un romanzo vero, crudo, pieno di vita (sia nel bene che nel male) e, allo stesso tempo, surreale e fantasioso.