Recensione | Il Signore delle Mosche

Il Signore delle Mosche Book Cover Il Signore delle Mosche
Classici Moderni
WIlliam Golding
Romanzo, Avventura
Mondadori
1954 1^ edizione
Cartaceo / Copertina flessibile
202

Sinossi:

Nel corso di un conflitto planetario, un aereo precipita su un'isola deserta. Sopravvivono solo alcuni ragazzi, che provano a riorganizzarsi senza l'aiuto e il controllo degli adulti. I primi tentativi di dare vita a una società ordinata hanno successo, ma presto esplodono tensioni latenti ed emergono paure irrazionali e comportamenti asociali: lo scenario paradisiaco dell'isola tropicale si trasforma in un inferno.

 

Recensione Il signore delle mosche

Trama:

Un gruppo di ragazzi si trova a naufragare su un’isola deserta, dopo l’abbattimento dell’aereo su cui si trovava.

Rimangono soli, nessun adulto rimane o arriva sull’isola con loro o dopo di loro.

Inizialmente sperimentano il piacere della libertà, una libertà dovuta alla lontananza da genitori e maestri. Presto, però, si accorgono di ciò che realmente si trovano di fronte: assenza di cibo e acqua, assenza di regole e di affetto, nessun consiglio o insegnamento.

Si formeranno gruppi in contrasto tra loro per l’occupazione dell’isola e le decisioni da prendere quotidianamente: nella speranza che qualcuno arrivi a soccorrerli sarà la legge del più forte a prendere il sopravvento.

Il libro:

Un libro realistico in modo sconvolgente. Benché la situazione sia paradossale, l’esito è ovvio: più individui lasciati a sé stessi non possono che entrare in conflitto.

Un romanzo d’avventura dal ritmo sostenuto, ambientato in un’isola sperduta nell’Oceano Pacifico, durante una guerra (non è specificato di quale confitto si tratti).

Lo stile dell’autore è impeccabile, il lessico perfetto per ogni fatto descritto: tutto ciò non fa che sottolineare gli aspetti orrendi della natura umana. Il libro può essere diviso in tre parti secondo lo stato d’animo dei protagonisti:

  1. prima fase: euforia
  2. seconda fase: paura
  3. terza fase: crudeltà

Seguendo queste tre fasi è chiaro quale sia il messaggio dell’autore: l’uomo genera il male per natura, come reazione alla paura.  E il fatto che questo messaggio venga passato attraverso dei bambini, simbolo di innocenza, è ancora più significativo (da non sottovalutare anche il fatto che la vicenda abbia come sfondo un conflitto planetario: un conflitto nel conflitto; i bambini hanno appreso e riprodotto la crudeltà).

Di conseguenza, se all’inizio i protagonisti erano uniti dal comune senso di libertà, in seguito vengono divisi dalla paura: paura di morire, di rimanere lì abbandonati, di restare senza cibo, di animali che nemmeno esistono.

Da questo derivano i litigi e i conflitti tra i ragazzi: le regole stabilite all’inizio a poco a poco non sono più valide, la lotta per il potere diventa estenuante, si arriva a picchiare ed uccidere. I bambini più piccoli diventano selvaggi, i più grandi diventano bestiali.

In conclusione:

Lo consiglio assolutamente, è un romanzo che fa riflettere: a mio parere le tre fasi citate poco fa solo se stesse che accompagnano la vita di ogni giorno. Per esempio nell’ambito lavorativo: che si tratti di un’unica realtà o di quella generalizzata, lo schema è sempre quello. Euforia – Paura – Crudeltà.

La natura umana è questa, e dopo secoli di evoluzione ha solo mutato l’apparenza, non la sostanza: ciò che incide maggiormente in tutto ciò è la limitazione mentale dei singoli individui, che spesso sono quelli che prendono il sopravvento.

Buona lettura!

La lettera scarlatta – Nathaniel Hawthorne

La lettera scarlatta Book Cover La lettera scarlatta
Grandi Classici
Nathaniel Hawthorne
Romanzo storico
Crescere
2014 (1^ pubblicazione: 1850)
Cartaceo / copertina flessibile
256

 

📌 Sinossi

Il romanzo si apre con una donna sul patibolo, mostrata alla popolazione di Boston, dopo il processo per adulterio che l'ha giudicata colpevole. Hester, infatti, ha dato alla luce una bambina, nonostante il marito sia assente dalla città da molto tempo: per questo viene esposta al pubblico ludibrio; ma la pena più infamante sarà portare sul petto una lettera scarlatta, la A di "adultera", che renderà sempre evidente il suo peccato agli occhi della chiusa comunità puritana della Boston del XVII secolo. Per amore, la donna non rivela chi è il padre della piccola Pearl, scontando da sola la sua pena e costruendosi una dignitosa esistenza appartata e solitaria, mentre il suo amante, uno degli uomini più rispettati della città, vive nel tormento e nella disperazione per la sua vigliaccheria e la sua ipocrisia. Intanto il marito di Hester è tornato dopo una lunga prigionia presso gli indiani. Nemmeno a lui la donna rivela chi sia il padre di Pearl e l'uomo assume un'altra identità con l'intenzione di scoprirlo...

 

✒Citazioni

Il volgo, che in quei lugubri tempi attribuiva invariabilmente un orrore a quanto lo colpiva nell’immaginazione, escogitò una storia sulla lettera scarlatta, con cui ci sarebbe facile di comporre una paurosa leggenda.

Possiamo osservare come le persone dedite alle più audaci speculazioni si conformino sovente alle norme esteriori del viver sociale. Ad esse basta il pensiero, senza che questo debba prender corpo nell’azione.

📌 Trama

Hester, la protagonista, è una donna che si trasferisce prima del marito in un nuovo paese: un paese puritano, per l’esattezza. Hester viene lasciata sola per molto tempo e, durante questo periodo inizia una relazione segreta con un uomo – non un uomo qualunque – che la porterà ad avere una bambina, Pearl.

La piccola comunità la condannerà per adulterio, verrà incarcerata, processata ed, infine, costretta a portare perennemente sul petto un A scarlatta, simbolo di adulterio, per esporsi ai suoi compaesani, in modo che il suo peccato sia sempre ben visibile e riconoscibile, origine di vergogna ed emarginazione per lei e per la piccola Pearl.

Hester non rivelerà mai in nome del padre di Pearl, ma il marito tornerà, si stabilizzerà nello stesso paese in cui lei vive e la tormenterà per ottenere quel nome. Attraverso vari inganni e segreti, Hester arriverà a condurre una vita di isolamento, ma non per questo pentita o demoralizzata.

📎 Il libro:

Non voglio assolutamente svelarvi il finale, ma vi posso assicurare che l’ho trovato molto interessante.
Mi è piaciuto praticamente tutto di questo libro: lo stile, classico ed elegante; il ritmo, mai troppo lento; l’ambientazione: Boston, una cittadina in cui tutti si conoscono e tutti si permettono di giudicare, un’atmosfera calda seppur un po’ cupa.

Mi è piaciuta Hester: la vera natura del marito si scopre solo verso la fine, così come le circostanze che l’hanno portata a doversi marchiare con la A scarlatta. Tuttavia, si è dimostrata una donna molto forte: ha cresciuto una figlia in totale autonomia, crescendola e istruendola a suo modo; si è mantenuta da sola, riuscendo a convertire il simbolo del suo peccato in una sorta di dimostrazione delle sue potenzialità come sarta; è riuscita a sopportare i commenti, le ingiustizie e le avversità di una comunità chiusa ed ottusa.

Devo dire che mi è piaciuta molto anche la figlia, Pearl: il volerla far sembrare “demoniaca” a causa della sua nascita al di fuori del matrimonio e al fatto che non fosse battezzata, non ha fatto altro che aumentare l’intensità dello sforzo nel sopravvivere che hanno dovuto affrontare madre e figlia.

👍 Cosa mi è piaciuto:

  1. Le due protagoniste;
  2. L’ambientazione;
  3. Lo stile.

📎  Cosa ne penso?

Siamo nel 1642: le donne dell’alta società potevano essere figlie, spose o madri. Spesso non secondo la propria volontà ma secondo quella della famiglia o degli interessi. Le donne appartenenti al popolo, invece, essenzialmente erano costrette al duro lavoro e alla giurisdizione completa di uomini in veste di marito, di giudice, di dottore e, in alcuni casi, di prete – come poteva capitare, ad esempio, in una società estremamente religiosa e puritana come quella di cui si parla in questo libro.

Cosa ne penso? Veniamo al dunque: gli uomini non erano soggetti ad alcun tipo di reato di questo tipo. Voglio dire: se il romanzo fosse stato uguale, ma la vicenda fosse stata incentrata su un uomo, non avrebbe di certo fatto scalpore (ed ecco che il romanzo diventa una sorta di critica alle regole assurde di una società estremamente puritana). D’altro canto, è anche vero che ad un uomo non sarebbe stata ricamata una A sul petto, o sbaglio?

Sicché mi viene da pensare: cosa è effettivamente cambiato? Ben poco. Parlo per ciò che ho visto finora: un uomo ha mille relazioni? Sicuramente è: fortunato, incredibile, affascinante, eccetera. Una donna ha mille relazioni? Che cos’è? …

Al giorno d’oggi, a mio avviso, si fa finta che questo “punto di vista” non sia più attuale, ma non so fino a che punto sia realmente così: questa mentalità, benché fosse già criticata nel 1850 – quando il romanzo è stato scritto, rimane comunque ben radicata nella maggior parte delle persone anche al giorno d’oggi.

Detto ciò, torniamo al libro: come vi dicevo, mi è piaciuto molto. Sia per il fatto che già più di un secolo e mezzo fa tentasse di criticare questa mentalità estremamente bigotta ed ottusa che, per eccesso di regole e fanatismo, ha portato addirittura a condanne per stregoneria e quant’altro, e sia per la storia in se – ben costruita, particolareggiata e coinvolgente.