Recensione | Red sparrow, Jason Matthews

Red Sparrow Book Cover Red Sparrow
Jason Matthews
Thriller, Spionaggio
DeA Planeta Libri
2018
Cartaceo / copertina rigida
508

✒”[…] non importava cosa l’avrebbero costretta a fare, non sarebbero mai riusciti ad abbattere il suo spirito”.

📌 Incipit

A dodici ore dall’inizio della ricognizione, Nathaniel Nash si sentiva intorpidito dalla vita in giù. Allungava passi legnosi sui ciottoli di una via secondaria di Mosca. Era buio da un pezzo e Nate era ancora alle prese con il percorso studiato per solleticare i suoi controllori, stuzzicarli, provocarli quel po’ che bastava per farli uscire allo scoperto.

📌 Sinossi

Bella, intelligente, intuitiva, votata alla disciplina più ferrea e imbevuta di ideali patriottici. Nella Mosca di oggi, dove nessuno fa più finta di credere che la Guerra fredda sia finita davvero, Dominika Egorova sembra nata per fare la spia. Se non fosse per il carattere impetuoso, che non sempre le riesce di dominare. Quando il padre  muore senza preavviso e un brutto incidente la costringe a lasciare l’accademia di danza, Dominika si ritrova invischiata in un gioco la cui portata non sospetta neppure. Lo zio, potente vicedirettore dell’Svr, vede in lei la candidata ideale a diventare una “sparrow”, un’agente segreta specializzata in sofisticate tecniche di seduzione e manipolazione dell’avversario. Ciò che Dominika non può immaginare è la vertiginosa spirale di inganni, violenza, doppio gioco e passione nella quale si ritroverà suo malgrado a sprofondare. E il travolgente passo a due che la vedrà schierata ora contro, ora al fianco di Nate Nash, agente Cia dal carattere schivo ma determinato.

📌 Trama

Dominika Egorova, nonostante sia cresciuta in una famiglia relativamente in contraddizione con lo “spirito” russo e le ideologie diffuse tra i più, sta crescendo e sta diventando la donna russa perfetta: devota alla madre patria, con forti principi morali (dettati dal governo).

Tuttavia, alcuni avvenimenti – tra cui la sua eliminazione dalla scuola di danza per opera di ballerini rivali e la morte del padre – spingono Dominika a rivalutare la sue priorità e le sue convinzioni.

Viene avvicinata dallo zio Vanja, che la spinge ad arruolarsi nei Servizi Segreti russi, tentando di sfruttarla in tutti i modi possibili.

Dominika, però, non vuole un ruolo secondario, vuole essere attiva sul campo e, presto, tutti si accorgeranno delle sue doti nel decifrare le persone. In questo è aiutata dalla sua capacità di “vedere i colori”: sia da quando era bambina, infatti, Dominika interpreta suoni, emozioni e personalità con i colori, come se potesse “leggere” ogni cosa.

Tra le altre cose, lo zio Vanja costringe Dominika a diplomarsi alla scuola delle Rondini: trova ripugnante anche solo l’idea che possa esistere un istituto di questo genere ma, d’altro canto, è sempre stata curiosa e desiderosa si apprendere, così si lascia convincere e inizia questa nuova avventura.

Dopo essersi distinta anche in questo caso per le sue abilità, Dominika ottiene il suo primo incarico: durante questo primo adescamento, però, il suo obiettivo viene barbaramente ucciso davanti ai suoi occhi e, da quel momento, Dominika inizia a mettere in discussione i valori del Servizi Segreti russi.

Successivamente le viene assegnato un altro incarico, in cui non le viene dato il tempo di dimostrare le sue teorie sul soggetto in questione.

Infine, le viene assegnato il caso di Nate Nash, un agente segreto americano ad Helsinki.

I due sono obiettivi reciproci e si spiano a vicenda per diverso tempo, finché non nasce un’intesa che va oltre lo spionaggio freddo e distaccato.

Il quel periodo l’unica amica di Dominika viene fatta sparire e lei ha la certezza che sia stata uccisa per il suo disappunto nei confronti dei superiori e degli ideali: la prova definitiva che i Servizi non sono poi così leali come se li era immaginati.

Dopo questo evento, Dominika racconta tutto a Nash e i due cominciano a collaborare; Dominika viene arruolata nei servizi segreti americani e continuerà a condurre il doppio gioco per un lungo periodo. Verrà arrestata e torturata ma non confesserà; potrà, quindi, tornare operativa per i servizi segreti russi, che non sono riusciti a estorcerle informazioni.

Da qui in avanti cercherà di rintracciare Nash e si scoprirà che le persone coinvolte i fatti poco raccomandabili sono molto più numerose di quanto si potesse immaginare e che i servizi segreti di entrambe le parti non sono poi così diversi o, perlomeno, non lo sono alcune persone che li compongono.

📎 Il libro:

Lo stile di scrittura dell’autore è molto semplice e scorrevole, benché spesso si trovino parole in russo – alcune volte comprensibili, altre volte un po’ meno.

Il racconto dell’organizzazione interna dei servizi segreti russi è molto dettagliato e rende molto interessante la storia della protagonista e di cosa abbia dovuto subire pur di farsi strada in questo ambiente corrotto e viscido.

La narrazione alterna i dialoghi di Dominika con i vari interlocutori – lo zio, i superiori e i vari obiettivi – con le descrizioni delle varie scene ed eventi. Fondamentali però, a parer mio, sono i pensieri dei protagonisti, perché è attraverso questi che si comprendono le personalità, le situazioni e le scelte.

Il ritmo è piuttosto sostenuto – non mancano mai sorprese e colpi di scena – anche se, secondo il mio parere, alcuni avvenimenti non sono così fondamentali per la trama principale, cosa che alcuni potrebbero interpretare come una narrazione noiosa e lenta.

I fattori che, sempre secondo il mio parere, rendono questo libro un bel libro (oltre al racconto di spionaggio, ovviamente) sono due: l’interpretazione delle persone attraverso i colori e l’aggiunta della ricetta al fondo di ogni capitolo – è come se ogni piccola cosa, come il colore e il cibo, contribuissero a definire un momento, una scelta, una sensazione.

📎  Cosa ne penso?

Credo sia un buon libro da leggere “per svago”: non l’ho trovato sconvolgente e non mi ha lasciato quel senso di vuoto e dispiacere per averlo finito. Sicuramente interessante è vedere come, ancora una volta, sia una donna a doversi far forza in un ambiente che non ne sfrutta solo le capacità, ma tutto ciò che può essere preso da una persona, sia fisicamente che mentalmente. Molto interessante anche scoprire l’organizzazione interna dei servizi segreti, l’esistenza di scuole di adescamento e di prigioni con la facoltà di tortura… Tutto ciò amalgamato alla perfezione in un thriller con una protagonista formidabile.

👍 Cosa mi è piaciuto:

  1. Il personaggio di Dominika, una donna forte e determinata nonostante il crollo dei suoi ideali e le avversità create da chi le sta intorno;
  2. la particolarità di descrivere un piatto tipico russo – e non solo – alla fine di ogni capitolo;
  3. l’identificazione delle persone attraverso i colori.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *