Recensione Maledetta Felicità

Maledetta felicità Book Cover Maledetta felicità
Marianne Power
Narrativa moderna
Giunti
17-04-2019
Cartaceo, copertina flessibile
400

36 anni, sorridente e solare, un ottimo lavoro come giornalista freelance, una famiglia e pochi, buoni, amici che le vogliono bene. Ecco, questa è Marianne Power. Peccato che lei non si veda così e che abbia un debole per i superalcolici, Netflix e i libri self-help. Una domenica al risveglio da un'allegra sbornia del sabato sera, Marianne si guarda intorno: la camera è in disordine, ci sono abiti e bicchieri ovunque, è andata a letto vestita e non si è nemmeno struccata. Single da anni, sempre in lotta con la bilancia e con i suoi capelli, vive in affitto in un seminterrato e ha il conto perennemente in rosso; che disastro... Com'è possibile che tutti quei libri self-help che ha lì sullo scaffale, letti e riletti e sottolineati, non abbiano avuto alcun effetto sulla sua vita? E che cosa succederebbe se mettesse davvero in pratica quello che dicono? E quindi ecco la soluzione: 12 libri self-help e un anno di tempo per cancellare qualsiasi problema e diventare Perfetta.

Maledetta Felicità è il libro d’esordio di Marianne Power, che racconta la sua storia personale: un viaggio – o percorso spirituale – durato sedici mesi, alla ricerca della versione perfetta di sé stessa.

Maledetta Felicità

Maledetta felicità racconta una storia vera, ma lo fa in modo divertente e confidenziale. La sensazione è che la storia venga raccontata da un’amica.

Marianne è una ragazza di trentasei anni, con un ottimo lavoro come giornalista, è ben retribuita, ha una buona famiglia e una sorella con cui è in buoni rapporti.

Marianne, però, si nasconde dietro una maschera di abiti costosi e serate mondane. Si auto-convince che i regali costosi e l’offrire da bere possano darle in cambio dei buoni amici. In effetti, ha degli amici, ma nella quotidianità e nell’intimità è sola.

Il punto è proprio questo: le sue giornate si ripetono, le settimane si ripetono, e così il lavoro e le sbronze colossali.

Dopo l’ennesima sbronza, però, Marianne decide che è il momento di farla finita con questo tipo di vita, insoddisfacente e dannoso.

Come fare? Con i libri self-help. Durante gli ultimi anni ne ha collezionati una quantità imbarazzante, ma li ha letti come se fossero riviste, per passare il tempo, e non ha mai messo in pratica ciò che i libri consigliavano.

Ed ecco che arriva l’idea: 12 libri in 12 mesi, letti e messi in pratica. In realtà, i mesi saranno di più e il percorso non sarà così facile.

Poi, mentre quella domenica rileggevo per la quinta volta il libro e i postumi iniziavano finalmente a darmi una tregua,  mi venne un’idea. Un’idea che mi avrebbe fatto smettere di essere un cumulo di macerie trasformandomi in una persona felice e pienamente funzionante: non avrei più soltanto letto testi self-help, li avrei messi in pratica.

Marianne passa in rassegna tutti gli aspetti della sua vita che secondo lei non vanno nel modo giusto: soldi, relazioni, paure.

Inizia proprio dalle paure: bagno ghiacciato, paracadutismo, stand-up comedy, sono solo alcune delle iniziative che prende per liberarsi dalle sue paure.

Assumiti un rischio al giorno – piccolo o grosso, che ti faccia stare bene, una volta fatto.

Gli psicologi sostengono che tutte le nostre paure scaturiscano da due fonti. La prima ha a che fare con la sicurezza fisica: di qui la paura dell’altezza, dei serpenti, del fuoco, di tutto ciò che può ucciderci. La seconda riguarda l’isolamento sociale, motivo per cui temiamo tanto di apparire stupidi davanti agli altri, o di ricevere un rifiuto.

Poi è il momento di affrontare il tema denaro.

Il nostro rapporto con il denaro è il riflesso del valore che attribuiamo a noi stessi.

E poi della “terapia del rifiuto”:

Devi essere rifiutato da una persona almeno una volta, ogni singolo giorno.

Ad ogni modo, il tempo passa e la vita di Marianne si trasforma in un’altalena: super positiva oppure sull’orlo della disperazione.

Alla fine, però, Marianne trarrà delle conclusioni… self-help si o no?

Il libro

Maledetta felicità è un libro estremamente scorrevole e semplice da leggere. Come detto in precedenza, sembra la confidenza di un’amica.

La protagonista è Marianne, come si sarà ben capito. Ha trent’anni ed è insoddisfatta della propria vita: come sempre più spesso capita, tende a confrontarsi con i protagonisti delle sue serie tv preferite, con i personaggi famosi sulle riviste e così via, finendo per convincersi di non essere mai all’altezza, di non avere abbastanza. Da questa convinzione, l’idea di iniziare questa stravagante avventura (e, successivamente, di scriverne un libro!).

Il ritmo di lettura è veloce, sia per la quantità di eventi che si susseguono in poco tempo e sia per il lessico scelto – molto semplice e di uso comune.

La vicenda è ambientata quasi interamente a Londra (eccetto il finale e pochi brevi spostamenti della protagonista), l’atmosfera che si percepisce è tipica della città caotica, ma cambia in base al luogo in cui si trova Marianne (casa, lavoro, pub…) e in base al suo stato d’animo, a tratti super-positivo e a tratti super-negativo.

Fatta eccezione per l’introduzione e la conclusione, ogni capitolo corrisponde ad un libro self-help o ad un aspetto che Marianne vuole cambiare. All’interno di ogni capitolo vengono citati frasi e suggerimenti dei più importanti guru del self-help, ma anche le considerazioni e le reazioni della protagonista a riguardo.

D’ora in poi pensa al conforto come il nemico della tua evoluzione personale.

In conclusione

Consiglio questo libro perché è si tratta di una lettura leggere e piacevole, adatta a chiunque. Lo consiglio in particolare a chi avesse intenzione di avvicinarsi al mondo dei libri self-help: leggere un’esperienza diretta, per quanto diversa da quella che sarà la propria, può sempre essere d’aiuto.

Comincia pensando alla fine.

Ringrazio Giunti Editore per avermi dato la possibilità di leggere questo libro in anteprima e avermi coinvolto in questo bellissimo progetto! 🙂

Vi lascio il link per l’acquisto sul sito Giunti al Punto.

Per tutte le altre recensioni: indice

2 thoughts on “Recensione Maledetta Felicità

  1. Uno dei rari libri che richiuderei senza averlo terminato. Mi spiace se la scrittrice è al suo esordio ma non lo consiglierei a nessuno. Noioso e illogico. Era meglio uno psicologo ( per l’autrice).

  2. XD Sicuramente l’esperienza di ognuno è diversa e tirarsi fuori da situazioni difficili non è facile… lei l’ha fatto in un modo un po’ strano!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *