Recensione | Il bacio più breve della storia

Il bacio più breve delle storai Book Cover Il bacio più breve delle storai
Universale Economica
Mathias Malzieu
Romanzo
Feltrinelli
2015
Cartaceo, copertina flessibile
123

It's now? Never? Or when?

Sinossi:

Parigi, una sera al Théâtre du Renard, l'orchestra suona "It's Now or Never". Una ragazza misteriosa e sfuggevole si aggira, lui la nota, cerca in ogni modo di avvicinarla e, quando ormai tutto sembra impossibile, si trovano faccia a faccia e si baciano. Un bacio minuscolo, il più breve mai registrato, e lei scompare. Invisibile, si allontana. Un mistero anche per un inventore come lui che, seppur di indole tendenzialmente depressa, è determinato a rivedere l'eterea e vulnerabile creatura che lo ha ammaliato. Inizia così una ricerca serrata in cui sarà affiancato da due bizzarri personaggi: un detective in pensione, che ha tutto l'aspetto di un orso polare, e il suo stravagante pappagallo. Le invenzioni si susseguono e qualcosa di molto goloso e originale aiuterà il protagonista nel suo scopo. Ormai è chiaro, fra i due è scoccata una scintilla, si è prodotto un cortocircuito. Ma in amore gli artifici non bastano, servono coraggio e temerarietà, doti che entrambi dovranno conquistare se vorranno trovarsi e abbandonarsi l'uno all'altra. Riusciranno i due a superare ostacoli e paure e a vivere il loro amore?

 

Il libro:

Il bacio più breve della storia mantiene le caratteristiche che contraddistinguono l’autore, cioè l’atmosfera e l’ambientazione che uniscono fiaba e realtà.

Il racconto è ambientato nei tempi moderni, i protagonisti sono dei comunissimi scolari che, però, vengono resi unici da alcune particolarità: lei si chiama Sobralia, come un’orchidea che fiorisce per un solo giorno, è molto timida, mentre il protagonista è impacciato e stravagante.

Fin da bambina, ho l’impressione che la gente non mi veda.

I dettagli, come sempre, sono determinanti: sono proprio questi, infatti, a creare passo a passo la trama. Il più importante è il fatto che il protagonista incontri una ragazza invisibile: questo è fondamentale per esprimere tutto il significato del libro.

La sensazione trasmessa dalla lettura rimane quella di nostalgia ma, secondo il mio parere, la collocazione temporale non è stata d’aiuto (ho trovato molto più suggestiva l’ambientazione de La meccanica del cuore).

La trama è piuttosto semplice, ha un ritmo di lettura medio, scandito dai vari passaggi della storia tra i due protagonisti. Per rimediare all’invisibilità di lei e alla sua difficoltà a farsi trovare, il protagonista troverà soluzioni a dir poco alternative: un pappagallo, dei cioccolatini,  e così via.

Il messaggio del libro è contenuto nel finale, di cui non vi parlerò per evitare di rovinarvi la sorpresa. Vi dico solo che, secondo il mio parere, può avere due interpretazioni quasi opposte, per cui lascio a voi la scelta!

In conclusione:

Si tratta di una lettura semplice, piacevole e non impegnativa, perfetta per intervallare letture più “consistenti”. Se non avete ancora letto nulla dell’autore, vi consiglio di cominciare da La meccanica del cuore, sicuramente più coinvolgente di questo per atmosfera e ambientazione.