Recensione | Follia, P. McGrath

Follia (Titolo originale: Asylum) Book Cover Follia (Titolo originale: Asylum)
Patrick McGrath
Romanzo
Adelphi
1996 (1^ edizione) / 2012
Copertina flessibile
296

 

📌 Sinossi

Inghilterra, 1959. Dall’interno di un tetro manicomio criminale vittoriano uno psichiatra comincia a esporre, con apparente distacco, il caso clinico più perturbante che abbia incontrato nella sua carriera – la passione letale fra Stella Raphael, moglie di un altro psichiatra dell’ospedale, e Edgar Stark, un artista detenuto per un uxoricidio particolarmente efferato. È una vicenda cupa e tormentosa, che fin dalle prime righe esercita su di noi una malìa talmente forte da risultare quasi incomprensibile – finché lentamente non ne emergono le ragioni nascoste.

 

✒Citazioni

[…] si stava convincendo che la fiducia, e la speranza e l’amore sono tali in quanto nascono e crescono a dispetto della ragione.

Era come se l’avessero rubata, quella felicità, anzi come se l’avessero trovata per caso e se la fossero portata via di corsa, perché in realtà apparteneva a qualcun’altro e loro non ne avevano alcun diritto.

La vita era uno squallido baratto, soldi contro tempo.

📌 Trama

Stella, Max, Edgar, Charlie e Peter: cinque persone per costruire un libro.

Stella è una donna sposata, ma delusa dal matrimonio monotono e “piatto”. Max è suo marito, uno psichiatra in carriera che lavora presso una clinica psichiatrica nei pressi di Londra: il lavoro è tutto il suo mondo, i suoi pazienti sono il suo mezzo per arrivare a dirigere la clinica e soddisfare così la sua fama di successo e quella della madre esigente.

Stella e Max si trasferiscono nei pressi della clinica, in modo da facilitare il lavoro di Max: in questa occasione, Stella ha modo di conoscere Edgar Stark, paziente in semilibertà, che viene incaricato di restaurare la serra nel loro giardino.

Edgar e Stella iniziano a conversare, ad incontrarsi per passare i pomeriggi afosi all’interno del giardino. Dopo il ballo organizzato dalla clinica – a cui partecipano sia i membri personale e sia i pazienti – Edgar e Stella entrano sempre più in sintonia: Edgar si insinua nella mente di Stella, scatenando in lei fantasie rimaste soffocate da tempo.

Dopo svariati incontri nel giardino e nella serra, un giorno Edgar va a casa di Stella, passano del tempo nella camera da letto di Stella e Max – questo la fa sentire euforica – ma Edgar, prima di andarsene, prende dei vestiti di Max dall’armadio e scappa con essi.

Il giorno seguente Edgar è scomparso: questo è l’inizio della fine (e da qui non aggiungo altro per non rovinarvi la lettura!). Edgar libero, Stella che si sente imprigionata in casa propria. Un amore malato, devastante, forte e fragile allo stesso tempo.

📎 Il libro:

Un romanzo cupo, sconvolgente, straordinariamente realistico –  nonostante alcuni passaggi piuttosto “scenici” – a tratti inquietante.

Dopo questa premessa, devo assolutamente spiegarvi meglio cosa intendo: senza scendere eccessivamente nei dettagli, posso anticiparvi che si stratta della storia di Stella, una donna sposata, con famiglia, ma essenzialmente sola, trascurata, ombra di un marito in carriera che non la considera e non la stima, né come donna e né come moglie.

Questo suo stato di incertezza su se stessa e sulla sua vita, la porta ad un’avventura che la spinge a comportarsi all’opposto dei suoi standard: una vita sregolata, incerta, senza un futuro ben definito.

Per la prima volta Stella sentiva che era valsa la pena di saltare nel vuoto, perché alla fine avrebbero trovato il posto sicuro dove amarsi senza paura.

Il problema vero non è, però, questa sua svolta, ma piuttosto l’uomo che ha scelto – o con cui, suo malgrado, si è trovata – per arrivare a tanto: un uomo con precedenti tutt’altro che rosei, un uomo con seri disturbi psichici, un uomo paranoico – sindrome particolarmente pericolosa quando si considera un rapporto tra due persone.

La descrizione del declino di Stella è a dir poco sconcertante: graduale, “morbido”, un lento avvicinarsi ad un punto di non ritorno; il tutto intervallato da sporadici momenti di isteria, euforia, gioia addirittura.

L’aspetto migliore del libro credo sia proprio questo: non tanto il racconto delle implicazioni psicologiche di Edgar, ma quelle di Stella e non solo.

La narrazione, infatti, viene fatta tramite lo specialista (uno psichiatra per l’esattezza) che si occupa in primo luogo di Edgar ed in seguito anche di Stella.

Un personaggio particolare anche questo, perché è la dimostrazione vivente di quanto la mente sia delicata: lui stesso, psichiatra, in alcuni momenti parla della mente umana come se fosse puramente un elemento di studio, in modo freddo e distaccato, in altri momenti è costretto a rendersi conto di quanto profonde possano essere le ripercussioni di tutto ciò (terapie, colloqui, azioni, sentimenti).

Le donne romantiche, riflettei. Non pensano mai al male che fanno in quella loro forsennata ricerca di esperienze forti. In quella loro infatuazione per la libertà.

Tutto si svolge nell’arco di poco più di un anno, in Inghilterra. Tutte le vicende sono ambientate a Londra o in zone poco conosciute e poco frequentate del Galles, dove il paesaggio è perlopiù brughiera e, qua e là, sorgono sporadiche cliniche, gestite da dottori in carriera, che sfruttano questa possibilità per ampliare le proprie conoscenze. Il ritmo è piuttosto veloce: senza nemmeno accorgersene, si passa da una situazione alla sua immediata conseguenza. Il susseguirsi degli episodi è, quindi, abbastanza veloce e continuativo.

👍 Cosa mi è piaciuto:

  1. La descrizione di sentimenti, umori, risvolti psicologici;
  2. L’ambientazione
  3. Lo stile

📎  Cosa ne penso?

Come sempre, dopo aver letto il libro, ho cercato pareri e commenti, ed il risultato – come sempre – è stato questo: “libro brutto e banale” contro “libro meraviglioso e ben scritto”. Cosa ne penso personalmente? Sicuramente è ben scritto; sicuramente porta in luce molti aspetti della mente umana che spesso non vengono considerati a sufficienza e, soprattutto, lo fa in modo molto coinvolgente.

Come sapete, ciò che apprezzo di più in un libro è la sua capacità di “portarti nella storia” e questo ci riesce senza ombra di dubbio.

La mia una incertezza è sul fatto che le vicende vissute da Stella, i cambiamenti, i pensieri e le azioni – aspetti della sua vita così delicati, fragili, sconvolgenti – siano stati elaborati e raccontati da un uomo: voglio dire, la parte di Edgar, secondo me è stata molto più spontanea per l’autore, così come quella dello psichiatra.

Detto questo, lo consiglio assolutamente! Unica avvertenza: non è leggero, quindi leggetelo nel momento giusto!